Dall’ospedale di Torino in mondovisione, la voce della dott.ssa Ambrosanio

Dall’ospedale di Torino in mondovisione, la voce della dott.ssa Ambrosanio

Foto della cappella Santa Maria della Speranza dal sito aslcittàditorino.it

Nel corso della trasmissione “Zona Blu” in onda tutti i venerdì dalle 10.45 sulle nostre frequenze radiofoniche, è stata raccolta l’intervista alla dottoressa Renza Ambrosanio, originaria di Fondi ma attualmente in forze al reparto di medicina d’urgenza dell’ospedale Martini di Torino.

Curiosità del caso, la dottoressa Ambrosanio è anche specializzata in pneumologia e in questo periodo, malgrado l’ospedale Martini non sia un polo centrale Covid, di pazienti affetti dal nuovo coronavirus ne ha visti diversi.

Tra le varie cose di cui ci ha parlato nel corso della lunga intervista che potete riascoltare tra i nostri podcast, c’è la faccenda affascinante della cappella interna dell’ospedale Martini e intitolata a Santa Maria della Speranza. Cappella finita addirittura nel video del concerto per l’Oms di Lady Gaga.

Questo perché come ci ha spiegato la dottoressa Ambrosanio, la cappella interna all’ospedale Martini, avendo una predisposizione a poter fare arrivare l’ossigeno da alcuni bocchettoni in caso di grandi emergenze, è diventata una vera e propria sala di degenza durante la fase più acuta da Covid-19.

Un bel messaggio, a dimostrazione di come non tutti i luoghi di culto siano rimasti “chiusi” in questo periodo e alcuni – come la cappella di Santa Maria della Speranza – non solo sono rimasti “aperti”, ma hanno addirittura ospitato alcuni degenti, molti dei quali oggi sono tornati a casa, guariti o negativizzati dal Covid-19.

Leave a comment

1 Comment

  1. I have been surfing online greater than 3 hours as of late, yet I by no means discovered any attention-grabbing article like yours. It is beautiful value enough for me. In my opinion, if all web owners and bloggers made excellent content as you did, the internet might be a lot more helpful than ever before.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.