Violenze su minori, denunciata una maestra di Gaeta

I carabinieri della tenenza di Gaeta, a conclusione di specifica attività investigativa, hanno  deferito alla Procura della Repubblica di Cassino un’insegnate di un istituto scolastico di Gaeta, per il reato di “abuso dei mezzi di correzione e disciplina”.    

Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore di Cassino, la dottoressa Maria Carmen Fusco, sono inziate a seguito di diverse segnalazioni che hanno permesso di rilevare come l’insegnante, con piu’ azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, negli anni scolastici 2018 e 2019,  abusava di mezzi di correzione e di disciplina nei confronti di otto minori.

La ricostruzione degli eventi avvenuta anche attraverso l’ascolto dei minori, ha accertato come l’educatrice, con atti di violenza fisica e morale, procurava il pericolo di una malattia nel corpo e nella mente delle piccole vittime.

Giornata contro la violenza sulle donne: le parole del sindaco di Itri

“Il 25 novembre è la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, una ricorrenza istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, con la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999.

Non una giornata qualunque, ma un momento che dovrebbe indurre ad una seria riflessione su tutto ciò che ci accade intorno. I numeri sono impressionanti e vanno snocciolati perché, nella loro crudezza, esprimono in maniera purtroppo agghiacciante la realtà e la dimensione del fenomeno. In Italia circa 7 milioni di donne hanno subìto violenza fisica o sessuale nel corso della vita, praticamente una su tre; per quasi 3 milioni l’abuso è perpetrato dal partner o dall’ex.

Antonio Fargiorgio, sindaco di Itri

Secondo fonti ISTAT, nel 2018 le vittime di femminicidio sono state 142, un numero in crescita rispetto all’anno precedente, mentre sono 94 quelle registrate nei primi dieci mesi del 2019. In buona sostanza, ogni 72 ore, nel nostro Paese, una donna viene uccisa da una persona di sua conoscenza e tre femminicidi su quattro avvengono in casa.

Questi numeri non possono lasciare indifferenti ed anzi debbono generare un moto di reazione contro ogni tipo di violenza, di genere, fisica, psicologica o discriminatoria, in qualsiasi ambito della vita quotidiana in cui si registrino. Insieme alla condanna della violenza contro le donne, esprimiamo l’auspicio che, con un’operazione fortemente culturale, si possano creare le condizioni perché certi fenomeni possano in futuro cessare. E perché ciò accada, occorre che siano create ulteriori strutture in cui il fenomeno della violenza possa essere affrontato con competenza ed in ottica di superamento.

Nel nostro piccolo, ricordiamo che da circa due anni è operativo presso il Comune di Itri uno sportello di ascolto “Da donna a donna”, fortemente voluto dalla nostra Amministrazione. In questo periodo sono state attivate diverse consulenze e, per il tramite degli uffici dei Servizi sociali, è possibile, in regime di assoluta riservatezza, contattare una psicologa ed un’operatrice legale per affrontare le diverse problematiche che il fenomeno della violenza contro le donne genera“.

I mille volti della violenza, Convegno dell'associazione Diritto&Donna

Vittime, scomparse, reclusi sono spesso involontariamente facce diverse della stessa medaglia, differenti espressioni accomunate da un unico fattore: recitare un triste ruolo da protagonisti nei mille volti della violenza.

Con l’obiettivo di raccontare le loro storie e affrontare il delicato quanto doloroso tema del femminicidio, l’associazione “Diritto&Donna”, con il patrocinio del Comune di Gaeta e in collaborazione con l’ITS Fondazione Caboto, organizza per sabato 22 dicembre, alle ore 16.00, presso la sala conferenze “A. Mitrano” dell’ITS Fondazione Caboto – Palazzo della Cultura di Gaeta, un convegno dal titolo: “I mille volti della violenza. Storie di vittime, storie di scomparse, storie di reclusi”.

Dopo i saluti affidati al Sindaco di Gaeta, Dott. Cosmo Mitrano, e al Direttore dell’ITS Fondazione Caboto, Dott. Clemente Borrelli, interverranno l’Avv. Nicodemo Gentile, penalista, da più anni impegnato in delicati processi a livello nazionale (vicende di Meredith Kercher, Sarah Scazzi, Roberta Ragusa, Guerrina Piscaglia, Giallo dell’Olgiata, giallo di Trifone e Teresa) e legale di riferimento dell’associazione Penelope, che presenterà la sua ultima opera: “Nella terra del niente”; la Prof.ssa Lucia Maltempo, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Gaeta, la Prof.ssa Carla Casale, Delegata alle Pari Opportunità, e l’Avv. Valeria Aprile, Presidente dell’Associazione “Diritto&Donna”.

La partecipazione all’evento è inoltre valida per l’acquisizione di 2 crediti formativi per l’Ordine dei Giornalisti.

Per maggiori informazioni sull’iniziativa, consultare la pagina Facebook “Diritto&Donna” o inviare una mail all’indirizzo dirittoedonna@gmail.com.

L’ASSOCIAZIONE “DIRITTO&DONNA” – L’Associazione, nata per fornire assistenza legale in materia di diritto di famiglia – con uno sguardo particolare alle normative riguardanti la tutela delle donne – e psicologica, si occupa di casi di separazione, di divorzi, stalking, cyberstalking, cambiamento di identità, problematiche relative alla tutela dei minori, violenze e di qualsiasi altro problema che veda coinvolte donne, ma non solo, in situazioni difficili.

Fonte: comunicato stampa