Le attività di arricchimento dell'offerta formativa dell'istituto comprensivo V. Pollione continuano a distanza.

L’istituto comprensivo V.Pollione di Formia continua a lavorare incessantemente e a proporre le attività di arricchimento dell’offerta formativa programmate, anche se a distanza.

Prima la realizzazione, su proposta del dipartimento di arte e Immagine della scuola secondaria e per un’idea del prof. Rossini, di una raccolta di disegni per mettere in un unico cuore tutti i sentimenti vissuti dagli alunni durante le vacanze  di Pasqua e raggruppati poi in un unico video, reso visibile sul portale scolastico.

Ed ora la scuola prenderà parte alla XXXI Rassegna musicale nazionale “La musica unisce la scuola”, organizzata on line da Indire.

Dal 25 al 30 maggio, esperti, professionisti e docenti affronteranno numerosissimi temi legati alla didattica (anche a distanza) della musica: la coralità virtuale, il potenziamento della lezione di strumento, le problematiche/opportunità della pratica musicale a distanza. E ancora, la music dance, il jazz a scuola, il rock, il rapporto tra la musica e gli altri ambiti disciplinari e culturali come la territorialità, la tradizione, la liturgia, la matematica, la storia , l’arte e le lingue comunitarie.

Chiaro il messaggio lanciato dall’Istituto, attraverso le parole della sua dirigente scolastica Annunziata Marciano: “È importante organizzare la settimana della musica, che quest’anno ha come tema la musica che unisce, nonostante il periodo di emergenza che comunque ha condizionato anche emotivamente la vita di tutti. La scuola, però,  deve essere pronta a dimostrare in ogni momento il suo essere e saper essere famiglia”.

Il collegio docenti insieme alla dirigente si dicono rammaricati di non poter concludere l’anno scolastico con l’incontro corale del musical nel coinvolgimento di scuola e territorio, ma rassicurano che non mancherà la fine anno che tutti potranno vedere sul sito della scuola.

Formia, l’abbraccio virtuale dei dirigenti scolastici agli alunni per Pasqua.

Nonostante per il mondo della scuola il 2020 sia diventato un anno particolare a causa dell’emergenza coronavirus, bambini e ragazzi avranno comunque le loro vacanze di Pasqua, con lo stop della didattica online .

In questo clima l’augurio di trascorrere un sereno periodo di vacanza e riposo, tradizionalmente rivolto dai Dirigenti Scolastici ad alunni, docenti e genitori, assume un significato del tutto speciale, e Annunziata Marciano, Vito Costanzo e Teresa Assaiante, rispettivamente dirigenti scolastici degli Istituti Comprensivi V. Pollione, Dante Alighieri Formia- Ventotene e P.Mattej, vogliono far sentire una grande vicinanza alla comunità scolastica porgendo il loro augurio, auspicio di speranza e di bene.

“Questo periodo, un momento storico di cui io, nonostante i miei 60 anni, non ricordo di eguali, deve servirci da arricchimento, da valido motivo di crescita, che ci sta facendo il grande e inaspettato dono del tempo” – afferma  Vito Costanzo, dirigente dell’Istituto Comprensivo Dante Alighieri Formia-Ventotene.

Annunziata Marciano, Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo V.Pollione, condivide con i suoi alunni la tristezza di questi giorni: “ auguro una rinascita proprio come quella che la Resurrezione ci ricorda come momento di alta spiritualità, passando per la sofferenza e proiettandoci verso la vita”. La marciano, anche se solo digitalmente, ha voluto comunque far pervenire il bigliettino augurale dell’istituto, in segno di vicinanza e con la promessa che, se anche fuori stagione, ne avverrà la condivisione materiale.

E sarà un ritorno al sole splendente invece per Teresa Assaiante, Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo P. Mattej, la quale evidenzia  di quanto questa Pasqua sia insolita, difficile, diversa dalle altre che abbiamo potuto condividere con le persone a noi più care: “Mi auguro che gli alunni sviluppino la capacità di trarre vantaggio anche da situazioni emergenziali come queste, che questa possa trasformarsi in una palestra di vita e che poi tutti insieme ci si possa ritrovare, sebbene con nuove norme e nuove distanze”.

E all’unisono i tre vertici scolastici, attraverso questo messaggio augurale, comunicano ai loro piccoli e grandi studenti che questa fase in cui viviamo ci sta insegnando che siamo lontani, non distanti: ci uniscono saldi vincoli di collaborazione, solidarietà, amicizia e affetto, vincoli che sono e saranno la principale risorsa per ciascuno di noi, per la scuola e per il Paese.

https://www.spreaker.com/episode/25002028 (messaggio audio di Teresa Assaiante, dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo P. Mattej)

https://www.spreaker.com/episode/25002083 (messaggio audio di Vito Costanzo, dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Dante Alighieri Formia-Ventotene)

https://www.spreaker.com/episode/25002121 (messaggio audio di Annunziata Marciano, dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo V.Pollione)

Formia, l’arte torna a Via Vitruvio.

A Formia, in Via Vitruvio 95, dal 1 marzo 2020 torna l’arte con l’esposizione “Con la Sfinge l’arte torna a Via Vitruvio”.

La collettiva che, permetterà di visionare importanti e fantastiche opere di artisti contemporanei come Salvatore Bartolomeo, Giuseppe Supino, Soscia, Omiccioli, Pedicini, Macera, Speranza, Zanetti ecc, nasce dalla grande passione di Anna Marciano e vuole essere un omaggio a Peppino Marciano per ricordare il lontano marzo del 1970, quando fu inaugurata la prima galleria formiana, divenuta poi nel tempo punto d’incontro e luogo di scambi di importanti personalità del mondo culturale internazionale.

La mostra apre i battenti domenica 1 marzo 2020 alle ore 17.

Il Consiglio d’Istituto della Pollione di Formia scrive una mozione alla Regione, al MIUR e al Comune di Formia.

Il consiglio d’Istituto dell’ Istituto Comprensivo V. Pollione di Formia, si è riunito lo scorso 29 novembre 2019 in seduta straordinaria per confrontarsi sul futuro della scuola media Pollione e della scuola dell’infanzia e primaria De Amicis, in seguito al consiglio comunale del 25 novembre.

L’importante organo istituzionale ha deliberato una mozione, in cui si chiede che tutto il finanziamento previsto per le opere venga speso per le stesse come preventivato; che ci sia la corretta trasparenza nelle procedure, nel rispetto dei tempi, onde evitare che i finanziamenti possano perdersi, ridursi, o essere distratti verso altri impegni; di essere destinatari di informazione e atti, a titolo preventivo e in essere che riguardano azioni e opere relativi ai due edifici; di accedere e avere copie dei verbali dell’incontro effettuato con I tecnici della regione Lazio il 12 novembre e quello relativo al Consiglio Comunale del 25 novembre, nonce del progetto a cui si è riferimento nella stessa Assise Civica.

L’importante richiesta nasce alla luce del fatto che, come emerge da comunicati e posizioni a diversi livelli, sembra che si sia teso e si tenda a “interpretare” e “spingere” il finanziamento finalizzato alle strutture scolastiche ben individuate, quasi fosse una nuova “opportunità” da non lasciarsi sfuggire per destinazioni perfino improprie legate a situazioni ambientali e non strettamente scolastiche.

Pieno appoggio al Consiglio d’Istituto da parte della Dirigente Scolastica Annunziata Marciano, la quale ribadisce quanto ha costantemente espresso in ogni sede ovvero l’apprezzamento e l’importanza dei finanziamenti che qualificano le strutture  degli edifici scolastici in via e Filiberto sia per la sicurezza che per la loro fruibilità nell’offerta formativa.

Nel prendere atto di un rinvio , deciso dal comune e dai tecnici della regione,dove non sono esplicitate le caratteristiche e le modalità del progetto operativo sulle linee di progetto che ha determinato il finanziamento, e la certezza dei tempi nella pianificazione finalizzata entro il 2020, non comprende quale altro progetto possa esistere senza che nessuno sappia niente, come detto nel consiglio comunale stesso.

La dirigente e il Consiglio D’Istituto tornano ad evidenziare che si tratta di due edifici di particolare importanza e significato  nel contesto aggregativo e divita del Rione Mola, dove incidono anche la Parrocchia, l’llS Fermi,la piazza Paone , la piazza Risorgimento, l’Ospedale, la Banca, i negozi. L’attuale allocazione dell’Istituto è ben collegata con i mezzi di trasporto, favorendo la mobilità lavorativa dei genitori e la frequenza degli studenti anche delle periferie.