Sanremo 2020, diretta della seconda serata

Sanremo 2020, diretta della seconda serata

L’articolo è in continuo aggiornamento.
Premi F5 su pc o switcha in giù lo schermo dello smartphone.

Benvenuti nella diretta della seconda serata di Sanremo 2020, a cura di Radio Civita InBlu. Commenta in diretta via WhatsApp al 348.8881447 oppure via mail a radiocivitainblu@gmail.com.
Saremo in diretta radio e social durante le pubblicità del festival (ascoltaci QUI) o vai alle nostre frequenze FM, app e streaming.

Ore 01:40 La 1a Classifica generale, buonanotte a tutti!
1)Francesco Gabbani
2)Le Vibrazioni
3)Piero Pelu
4)Pinguini Tattici Nucleari
5)Elodie
6)Diodato
7)Irene Grandi
8)Tosca
9)Michele Zarrillo
10)Levante
11)Marco Masini
12)Alberto Urso
13)Giordana Angi
14)Raphael Gualazzi
15)Anastasio
16)Paolo Jannacci
17)Achille Lauro
18)Enrico Nigiotti
19)Rita Pavone
20)Riki
21)Elettra Lamborghini
22)Rancore
23)Bugo e Morgan
24)Junior Cally

Ore 01:36: La classifica di questa sera:
1)Francesco Gabbani
2)Piero Pelu
3)Pinguini Tattici Nucleari
4)Tosca
5)Michele Zarrillo
6)Levante
7)Giordana Angi
8)Paolo Jannacci
9)Enrico Nigiotti
10)Elettra Lamborighini
11)Rancore
12)Junior Cally

Michele Zarrillo – Nell’estasi o nel fango
Il commento di Canovaccio

La chitarra acustica domina i primi versi seguiti, subito dopo, da una batteria che fa battere le mani anche all’una e mezza di notte. Vocalmente perfetto, ci regala anche un falsetto nel ritornello. Nella canzone Michele Zarrillo canta di quanto faccia bene scambiarsi reciprocamente energia: “non mi importa quanta forza servirà”. Raccoglie gli applausi di una sala stampa. Zarrillo, autore delle musiche, si sa adeguare e rinnovare.

Ore 01:26: Solo in pochi possono essere capaci di far ballare la sala stampa a quest’ora. Complimenti Michele.

Ore 01:24: Michele Zarrillo, ultimo ad esibirsi poi sarà solo da scoprire la 1a classifica completa

Giordana Angi – Come mia madre
Il commento di Canovaccio

Vestita elegante e di nero, Giordana Angi porta un brano dedicato a sua madre: “l’amore non è solo un posto, è il tuo
modo di fare”; in questi versi viene descritto l’amore-azione di una madre verso i propri figli. Il contenuto c’è,
la musica è di quelle già ascoltate. L’orario dell’esibizione non aiuta a creare pathos. Da riascoltare.

Ore 01:18 – Scende le scale dell’Ariston una stanca Giordana Angi.

Ore 01:11 – Emma D’Aquino in un monologo al centro del palco sulla libertà di stampa e sui numerosi assassini di giornalisti.

Junior Cally – No Grazie
Il commento di Canovaccio

Niente maschera per Junior Cally. Vestito di nero porta sul palco dell’Ariston una canzone con acclarati (e nemmeno
troppo nascosti) riferimenti politici. “No, no, no, no, no, no grazie” entra subito nella testa. Dal punto di vista musicale
alcune note di chitarra elettrica anticipano una entrata di batteria che trascina l’interesse della sala stampa. Nel
complesso l’arrangiamento veste bene la canzone che, in parte, si discosta da un vero e proprio rap.

Ore 01:07 – Grande lancio per il giovane rapper della periferia romana, Junior Cally che arriva al teatro SENZA maschera. Ottima mossa strategica per il ragazzo.

Ore 01:00 – Ritorna sul palco dell’Ariston Tiziano Ferro con un medley di sue canzoni. Nuova domanda che arriva dalla sala stampa, perchè Fiorello scompare dopo un certo orario?

Ore 00:48 – Ritorna Massimo Ranieri sul palco dell’Ariston. Avvisate Marzullo che il programma questa notte è rimandato.

Rancore – Eden
Il commento di Canovaccio

Cappello e vestito nero per Rancore, agli antipodi rispetto all’Eden cantato. Il brano usa l’Eden stesso e la mela come mezzo per parlare delle scelte: “se ogni scelta crea ciò che siamo, che faremo della mela attaccata al ramo?”.
La sala stampa applaude sul “precipitiamo” finale quando Rancore, che regge benissimo il palcoscenico, si butta a terra. Il testo c’è, la musica non è scontata e alcuni stacchi di percussioni e batteria ti entrano dentro come
proiettili. Che sia l’anno della conferma di Rancore tra il grande pubblico?

Ore 00:43 – Nuova discesa delle due presentatrici e presentazione di Rancore che canta ‘Eden’. Un amico su WhatsApp ci dice: ‘vabbene che ti chiami Rancore ma un emozione mangiatela’.

Ore 00:35 – Arriva all’Ariston Gigi (nazionale) D’Alessio. Un amico ci dice di aver cambiato canale.

Paolo Jannacci – Voglio parlarti adesso
Il commento di Canovaccio

Il brano emoziona sin dalle prime note. Paolo infonde sicurezza alla figlia dodicenne Allegra: “Là fuori c’è la guerra e dormi,
ma qui ci penso io a te”. Dal punto di vista musicale il pianoforte regge la scena accompagnato dagli archi presenti
sia nei ritornelli (che restano da subito in testa), sia in un solo dopo il secondo ritornello.
Il brano, nella struttura, appare in linea con i più grandi classici sanremesi. Paolo Jannacci è emozionato sul finale, quando canta: “non sarò mai pronto a dirti sì, ma tuo padre sarà sempre qui”.

Ore 00:31 – Si sta esibendo ora Paolo Jannacci ma come ci scrive un nostro amico dopo tutto queste ore di diretta si inizia ad essere troppo stanchi per ascoltare bene le canzoni.

Ore 00:28 – Ci scrivono su Whatsapp che la gara procede con troppa lentezza, ci augurano di non essere rinchiusi qui dentro. Grazie per il supporto amici. Continuate a commentare al 348.8881447

Francesco Gabbani – Viceversa
Il commento di Canovaccio

Nessuna scimmia sul palco, Gabbani al pianoforte. Si alza, prima del ritornello e alterna melodia ad un fischiettio:
“sei tu che mi fai stare bene quando io sto male e viceversa” canta Gabbani con lo scopo di spiegare ad una donna ma, in generale,
a chi lo sta ascoltando il senso dell’amore più intimo, che completa. Sul finale la tonalità sale. Nell’arrangiamento
compaiono dapprima chitarre elettriche in soli di sottofondo, l’ultima strofa è di nuovo piano e voce. Si può parlare e
cantare d’amore, in modo non scontato.

Ore 00:20 – ULTIMA ORA: LA GARA CONTINUA, sul palco Francesco Gabbani

Ore 00:13 – Zucchero ci ha appena benedetti e se n’è andato. Nuova pubblicità. La domanda è sempre la stessa, dove sono i concorrenti?

Ore 00:10 – Sul palco dell’Ariston, Zucchero, che fine avranno fatto i concorrenti, è quasi un’ora che non si esibiscono.

Ore 00.00 – Dopo il panico creato dai Ricchi e Poveri torniamo in diretta. Abbiamo assistito ad un trenino nella sala stampa ‘Lucio Dalla’

Tosca – Ho amato tutto
Il commento di Canovaccio

Una elegantissima Tosca interpreta in modo perfetto le parole del braccio destro di Ivano Fossati, Pietro Cantarelli. “con te ho riscritto l’alfabeto di ogni parola stanca e insignificante”; emoziona. Il brano, dal punto di vista musicale, si presenta come una romanza da ascoltare in luogo tranquillo. Nell’arco del brano arriva anche l’alzata di tono che valorizza ancora di più la voce dell’artista. La sala stampa la applaude. Musica e parole diventano poesia.

Ore 23.13 – Se la matematica non è un opinione, siamo a metà della serata che ci porterà alle 2 di notte.

C’E’ STATO UN PROBLEMA TECNICO DALLE 23.00 ALLE 23.08.
ERAVAMO SCATENATI CON TIZIANO FERRO E MASSIMO RANIERI!!!
SCUSATECI, SE POTETE.

Levante – Tikibombom

Scrive il testo e la musica di un brano che è rivolto agli animi stanchi. Musicalmente il rullante prende uno spazio “giusto” per scandire il ritmo della seconda strofa; tutto è amalgamato bene: arrangiamento, profondità del testo generando un indie autentico e che si lascia ascoltare.
“Siamo angeli rotti a metà, siamo chiese aperte a tarda sera”; Levante canta, e soffre, la diversità di chi resta in un angolo a guardare un mondo che fa “tikibombom” senza fermarsi mai.

Levante spiega Levante…

La Sabry ci si è bloccata sulle scale…

Ore 22.38 – Grazie Sabrina Salerno che ci aggiorna sui suoi crampi in mondovisione…

Enrico Nigiotti – Baciami adesso
Il punto di Canovaccio

Capelli legati come nel solito modo. Ballata classica che Enrico interpreta in modo non perfetto in alcuni passaggi. Se lo scorso anno era quello della maturità, questo avrebbe dovuto essere quello della consacrazione. Il “baciami, baciami, baciami adesso” alla lunga appare ripetitivo. Musicalmente la canzone cambia faccia quando Nigiotti si trasforma in chitarrista.

Ore 22.25 – Stiamo assistendo in mondovisione a una partita di tennis sul palco dell’Ariston. Voglio essere buono, i social si stanno scatenando:

Ore 22.20 – Fiorello introduce Novak Đoković, il tennista più forte del mondo. Siamo a pagina 4 di 10 della scaletta. Gesù aiutaci.

Ore – Elettra Lamborghini – Musica (e il resto scompare)
Il magistrale commento di Canovaccio

Appare sulle scale come la più eccelsa delle divinità, nella sala stampa è boato. Il brano si presenta sin dalle prime note radiofonico e dal ritmo serrato. I “musica (e il resto scompare)” ripetuti nei ritornelli entrano in testa sin da subito supportati solo da percussioni; così come è solo di
percussioni il bridge sul quale Elettra si esibisce in una coreografia che, ancora una volta, scalda gli animi della sala stampa. Il resto scompare, forse anche un pò di musica. Il brano, però, funzionerà.

Ci permettiamo di ricondividere il Pem Pem della Lamborghini…

Ore 22.13 – Elettra Lamborghini canta Musica (E il resto scompare)

Ore 22.10 – Sono arrivate le due coconduttrici della serata

Ore 22.08 – Già mostriamo segni di chiaro cedimento. Aiutateci a rimanere svegli.

Ore 22.02 – Arriva il primo big della serata Piero Pelù con Gigante.

Pierò Pelù non perde mai energia e modo per esternare il rock, anche in versioni di nonno che canta al nipotino…gigante. Il ritornello resta impresso nella mente e il ritmo è di quelli che fa battere il piede a terra. Il bridge dopo il secondo ritornello ricorda un rock d’altri tempi e prima del refrain finale una stupenda frase a vuoto “il tuo non è un pianto è il tuo primo canto” lascia spazio ad un set di archi difficilmente immaginabili in un Piero Pelù vecchio stile.

Ecco il perché di tanto ritardo…

Ore 21.46 – Zeno dai social ci manda link a caso…

Ore 21.43 – Il mondo social sta dando il meglio di se sull’esibizione di Fiorello

Ore 21.31 – Abbiamo terminato la gara delle Nuove Proposte. Pubblicità e per noi caffeuccio.

ore 21.27 – Matteo Faustini – Nel bene e nel male

Inizio lento, in parte recitato, sul ritornello ci regala tratti di falsetto per una esecuzione intensa.
“poi il bene, poi il male”; Matteo ci racconta l’andirivieni della vita in un testo che parla della fortuna di chi,
ad ogni modo, si ritrova a stare insieme. La musica non aggiunge valore a brani pop già sentiti.

ore 21.17 – Così commentano da Monte San Biagio: “Sto Marco si è fatto il sentiero in testa”

ore 21.17 – Marco Sentieri – Billy Blu

Vestito nero, con strisce gialle fosforescenti, racconta di Billy Blu. Testo contro gli atti di bullismo: “tutti i bulli adolescenti, poi diventano quegli uomini dai mille fallimenti”. Nel testo si narra di un Billy Blu che poi salva il bullo da un suicidio. Marco Sentieri, però, non si limita a parlare di bullismo ma cerca, sul finale di entrare nel merito del perché si diventa bulli: “servivano carezze sì, ma all’occasione, due schiaffi d’amore”.
Testo molto importante, musica già ascoltata.

Ore 21.14 – Perle di Trash Italiano. Adoro.

Ore 21.10Fasma canta “Per sentirmi vivo”

“Cosa siamo diventati io e te” canta Fasma. Il brano oscilla tra una batteria che trascina e chitarre elettriche che prendono la scena sul ritornello. Il testo non supera la tematica dell’amore, a volte risulta scontato. Raccoglie, però, gli applausi finali della sala stampa.

Ore 21.05 – Gabriella Martinelli e Lula – Il gigante d’acciaio, un brano sull’Ilva di Taranto.

Gabriella Martinelli alla chitarra elettrica regala un attacco quasi rap che si trasforma presto in rock puro. Lula alla batteria e rap sul bridge dopo il secondo ritornello, carica come una molla. Il testo, scritto dalle due artiste,
risulta essere particolarmente intenso e incentrato sul tema dell’inquinamento. Il brano non risulta banale ed è musicalmente interessante.

Ore 21.01 – Maria de Filippi chiama l’Ariston. E Trash Italiano ci regala una perla.

Ore 20.52 – Inizia la seconda serata, si stimano quasi 5 ore di diretta. Dio ci aiuti.

Ore 20.37Lorenzo Nallo, direttore di Radio Antenna Musica, ci fa visita in postazione!

Ore 20.17 – siamo in postazione in sala stampa del Palafiori a Sanremo. Allegramente in attesa dell’inizio della seconda serata del Festival di Sanremo.

Leave a comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.