Formia: Controllo, una parola che non deve mettere in crisi.

Formia: Controllo, una parola che non deve mettere in crisi.

Controllo la parola chiave della conferenza stampa tenuta sabato 10 agosto, presso la sala sicurezza del Comune di Formia  dal Sindaco Paola Villa e dall’assessore all’ambiente Orlando Giovannone e alla quale hanno preso parte anche alcune associazioni ambientalistiche,  residenti della zona prospiciente il centro di raccolta Ex-Enaoli, nonché operatori della Formia Rifiuti Zero.

Un controllo, ci ha tenuto a precisare il primo cittadino, di tutela sia del controllore che del controllato.

Una supervisione utile a risolvere problemi come quello dei miasmi del centro di raccolta ex-Enaoli , ad ottenere rapporti positivi sulla qualità delle acque da parte di Goletta Verde, a far si che i pozzi in località XXV ponti  siano a norma ed emettano acqua potabile.

Il problema dei miasmi, però, al centro Ex Enaoli si può risolvere solo in un modo ha detto la Villa, ovvero quando si avrà  la possibilità di conferire l’organico tutti i giorni e quindi di avere un centro di conferimento di tutta la provincia di Latina a conduzione pubblica. Per questo Formia ed altri comuni si stanno adoperando in regione, incontrando non poche resistenze.

Nel frattempo si sta cercando di rendere di minor impatto il problema con la messa in campo di tutta una serie di procedure come la copertura, per mezzo di specifici teloni, dei cassoni in modo da evitare che questi siano utilizzati come mangiatoie di animali ed in particolar modo di gabbiani.

Da settembre, inoltre, nella zona di Penitro e molto probabilmente nel centro cittadino saranno messe a disposizione due compostiere di comunità per conferire l’organico in modo più assiduo e dettagliato e alleviare di conseguenza la pesantezza dell’impianto del centro raccolta.

Questa  continua sorveglianza, ha poi detto il Sindaco,  ha fatto si che , per la prima volta Goletta Verde, avesse buoni risultati sulle acque del Rio Santa Croce,  evidenziando che la componente coli fecale è sensibilmente diminuita.

È  da ottobre, infatti  che il  Comune, in particolar modo l’assessore Giovannone,  in collaborazione con la Capitaneria di Porto sta monitorando le  utenze e quindi è possibile vedere chi scarica abusivamente e chi no.

Infine, fa parte di questo “controllo” una supervisione sia della componente chimica che biologica delle acque dei pozzi in località XXV Ponti dove Acqualatina sta facendo lo spurgo dei pozzi  e delle analisi in autocontrollo perché è compito suo gestire la rete ma si è chiesto ed ottenuto il coinvolgimento dell’ ASL per quanto riguarda la potabilità delle acque.

Dunque ha concluso il primo cittadino formiano. “ ben venga il controllo che dà anche dei feedback positivi. Noi vogliamo essere controllati ma allo stesso tempo controllare tutto quello che viene dato ad incarico a terzi”.

Leave a comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.