Fondi al voto il prossimo 20-21 settembre: presentate le liste

Fondi al voto il prossimo 20-21 settembre: presentate le liste

Nel lunghissimo sabato che sancisce l’inizio ufficiale della campagna elettorale a un mese dal voto, nella giornata di venerdì e soprattutto in quella di ieri, in molti esponenti politici locali sono stati impegnati presso gli uffici del Comune per presentare le liste.

Come sempre qualche problema burocratico legato a qualche candidatura ha ritardato i tempi delle consegne, tant’è che gli ultimi schieramenti, entrati in Comune qualche minuto prima delle 12, è uscito dal Municipio poco prima delle 20.

Alla fine in campo ci sono 6 candidati alla carica di sindaco, come era stato previsto nelle scorse settimane. Complessivamente sono state presentate 16 liste, mentre si sfidano per entrare in consiglio comunale in ben 366.

Numeri importanti che vengono ripartiti come segue.

Beniamino Maschietto

L’attuale maggioranza di centrodestra, più il supporto della Lega, si presenta unita alle urne sotto la guida dell’attuale vice sindaco facente funzioni di sindaco Beniamino Maschietto. Maschietto, che sta vestendo la fascia tricolore da qualche mese, vede in suo sostegno le liste di Forza Italia, Lega, Democrazia Cristiana e delle civiche Io Si, Litorale e Sviluppo Fondani e Noi per Fondi. Molti accreditano il dottor Maschietto come l’uomo da battere, sia per numero di liste in supporto che per porsi in continuità amministrativa con il doppio mandato di Salvatore De Meo.

Giulio Mastrobattista

Divisioni a destra, hanno portato alla candidatura dell’avvocato Giulio Mastrobattista rappresentante di Fratelli d’Italia, che vede al suo fianco anche due liste civiche quali Patto per Fondi e la Lista Giulio Mastrobattista, nonché l’appoggio formale dell’Udc seppur con singoli candidati. In una sorta di battaglia elettorale intestina nel centrodestra, Mastrobattista nel corso dei suoi interventi pubblici ha più volte richiamato una continuità non tanto verso gli ultimi quattro mandati, ma più verso i due mandati da sindaco del compianto Onoratino Orticello negli anni novanta.

Luigi Parisella

Tre liste anche per colui che molti accreditano come il vero uomo forte: l’ex sindaco Luigi Parisella. Ex Forza Italia – con cui ha anche ricoperto il ruolo di consigliere provinciale – si è più volte posto in posizione di critica aperta verso le amministrazioni De Meo che pure si erano presentate in continuità con le sue. Parisella oggi si presenta come civico. È stato il primo a lanciarsi nella mischia oltre un anno fa e ha in suo supporto tre liste: Riscossa Fondana, La Mia Fondi e Fondi Terra Mia.

Raniero De Filippis

Dovevano essere tre anche le liste in supporto del candidato sindaco del centrosinistra Raniero De Filippis, che alla fine, però, ne ha presentate solo due. De Filippis, espressione della civica Camminare Insieme è sostenuto anche dal Partito Democratico. Alcuni ipotizzano che proprio la frammentazione a destra potrebbe favorirlo elettoralmente.

Francesco Ciccone

Corsa in solitaria con il sostegno della civica Fondi Vera per Francesco Ciccone. Anche lui una vita negli ambienti del centrodestra prima e del civismo poi, sempre nell’area moderata. Ciccone punta a portare al voto coloro che non si sentono rappresentati dagli altri candidati. La sua forza potrebbe essere la scelta della trasversalità e della campagna elettorale social più ad impatto al momento.

Giuseppe Manzo

Infine, ma non da ultimo, il Movimento Cinque Stelle che ha tirato fuori il coniglio dal cilindro quasi in extremis. Il candidato sindaco è Giuseppe Manzo, la lista – non completa – è composta di 16 candidati, il minimo per poterla presentare. Manzo e i pentastellati locali puntano a consolidare l’elettorato a Cinque Stelle che a Fondi, soprattutto nelle elezioni sovracomunali non è mai mancato.  

Leave a comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.