Da Fare Verde la richiesta di dichiarare lo stato di Emergenza climatica

Da Fare Verde la richiesta di dichiarare lo stato di Emergenza climatica

“I Gruppi Locali della nostra Associazione Ambientalista di Fondi e Monte San Biagio chiedono ufficialmente alle Amministrazioni Comunali delle rispettive Città di dichiarare lo stato di emergenza climatica e ambientale. E lo fanno con la presentazione di una bozza di mozione, che si spera possa essere promossa nell’ambito del prossimo Consiglio Comunale in ognuno dei due centri” dichiarano Francesco Ciccone e Rita Feuda.

Chiediamo che “i Consigli Comunali, i Sindaci e le Giunte si impegnino a dichiarare lo stato di emergenza climatica e ambientale, riconoscendo le responsabilità storiche del cambiamento climatico; a predisporre iniziative che vadano nella direzione della riduzione delle emissioni e per la promozione delle energie rinnovabili, per incentivare il risparmio energetico nei settori della Pianificazione Urbana, nella Mobilità, negli edifici, nel riscaldamento e raffreddamento, nella riforestazione urbana; ad intensificare il coinvolgimento attivo di Cittadini ed Associazioni nel processo di individuazione delle criticità ambientali e nella loro soluzione; a farsi parte attiva presso il Governo, l’Amministrazione Provinciale di Latina e la Regione Lazio perché prendano provvedimenti analoghi; ad installare erogatori d’acqua nei luoghi pubblici per incentivare l’uso di borracce riutilizzabili e disincentivare quello di bottiglie di plastica usa e getta; ad istituire un servizio di Bike Sharing cittadino, che agevoli gli spostamenti in bicicletta; ad installare nuove rastrelliere blocca-telaio per le bici che possano permettere a chiunque viaggi in bici di poterla portare ovunque senza dover temere furti; a prevedere un servizio di scooters sharing (monopattini), nel rispetto dei vincoli economici dell’Ente; a prendere in considerazione le necessità delle studentesse e degli studenti pendolari; a limitare il consumo di plastica usa e getta all’interno dei due Municipi; a promuovere sempre più numerosi momenti di informazione dei Cittadini in merito al consumo critico ed alle tematiche ambientali, al fine di garantire uno sviluppo culturale omogeneo nel rispetto dell’ambiente; a creare una rete di produttori locali al fine di incentivare la vendita di cibo a Km 0 soprattutto all’interno degli Istituti Scolastici.
Ma anche per la promozione di patti tra Enti per il recupero dei siti dismessi, l’estensione di istallazione di distributori di acqua per favorire l’uso delle borracce al posto di bottiglie di plastica e di posaceneri artistici per evitare la dispersione di sigarette nell’ambiente.

La proposta – fanno sapere da Fare Verde – sarà ampliata con la richiesta di predisporre annualmente documenti di monitoraggio e verifica delle emissioni di CO2 sul territorio e di produzione di energie rinnovabili, sia sul fronte pubblico che privato, coinvolgendo nel reperimento delle informazioni gli enti titolari dei dati necessari. E ancora la promozione, in tutte le scuole di ogni ordine e grado del territorio comunale, di iniziative per far conoscere la “Dichiarazione di Emergenza Climatica”, attraverso attività eseguite da Associazioni e/o professionisti competenti in materia.

Leave a comment

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.