“Sconfiggere il virus, Le sfide della sanità” la conferenza in Regione

Dai primi test sierologici asintomatici attorno al 2,17%

Si è tenuta questa mattina la conferenza stampa della Regione Lazio presso l’istituto Spallanzani di Roma alla presenza tra l’altro del presidente Nicola Zingaretti e dell’assessore alla sanità D’Amato.

L’assessore regionale alla Sanità D’Amato

Il dato più importante, reso noto dall’assessore alla sanità in apertura della conferenza, ha riguardato i test sierologici che in questi giorni sta vedendo impegnati personale medico-sanitario e forze di polizia. I numeri li ha spiegati lo stesso D’Amato: “Sono stati eseguiti ad oggi 19.414 test sierologici dove la presenza di Igg riscontrata è stata evidente per 422 soggetti pari al 2,17%. Era quello che attendevamo (intorno al 3%). I 422 sono stati sottoposti a tampone e 9 sono risultati positivi, ovvero con il virus in corso e asintomatici”.

Più di carattere politico l’intervento del presidente Zingaretti che dopo aver ripetuto come un mantra le regole che devono valere continuamente per tutti, ovvero indossare la mascherina, lavaggio delle mani, igienizzazione dei luoghi e la distanza di sicurezza, ha parlato delle scelte strategiche che servono all’Italia e che la Regione Lazio sta già mettendo in campo. Scelte strategiche riassunte in cinque pilastri: una sanità nuova di tipo digitale, test sierologici, obbligatorietà del vaccino antinfluenzale per gli over 65 (almeno fino alla diffusione del vaccino da Covid), attenzione agli anziani e ai più deboli, investire contro il rischio della povertà educativa.

“Io dico ‘grazie’ ai cittadini del Lazio – ha spiegato Zingaretti – i buoni numeri sono figli delle scelte sanitarie regionali, ma anche dei comportamenti dei cittadini che ora sono alla prova della situazione più delicata, quella della ripartenza”.

Tanti i livelli di attenzione consigliati dallo stesso numero uno regionale, dall’idea dei termoscanner in tutti gli uffici pubblici (e non solo), alla richiesta ai balneari e ai ristoratori di conservare i numeri di telefono dei propri clienti (14 giorni per gli stabilimenti e 30 giorni per i ristoranti) così da poter tracciare i casi qualora escano delle positività.

Coronavirus, zero nuovi contagi: è la prima volta in provincia

Non era mai successo. Ma al 46esimo bollettino emesso dall’Asl di Latina ecco la buona notizia, di quelle che rimarranno scritte. Oggi, 21 aprile, è il primo giorno da quando l’emergenza Covid-19 è entrata nel vivo, che in provincia si sono registrati zero nuovi contagi in 24 ore.

I risultati sui tamponi, come è stato più volte specificato anche dal direttore Asl Giorgio Casati riguardano la giornata precedente a quella in cui viene emesso il bollettino. Quindi, per correttezza, dovremmo tenere a mente che è stato ieri il giorno da “zero casi”, ma poco importa. Perché in attesa dell’evolversi della situazione, oggi rimane una giornata in cui capeggia una buona notizia.

Ma non solo. C’è un altro dato molto importante in prospettiva e si tratta del numero di persone in isolamento domiciliare. Come ormai è ben noto, in questa condizione permangono coloro che sono (o erano) positive ma a casa e coloro che hanno avuto contatti diretti con persone che hanno contratto il virus. Il fatto che il numero continui ad abbassarsi negli ultimi giorni dopo aver raggiunto cifre davvero importanti, lascia ben sperare per lo sviluppo numerico del contagio nella nostra provincia.

Purtroppo, però, nel bollettino si registra anche il 22esimo decesso per Covid-19 riscontrato in provincia. Si tratta di un paziente di Aprilia ricoverato presso il Santa Maria Goretti di Latina.

Trend stabile anche a livello regionale, dove per il terzo giorno di seguito si registrano meno di 100 nuovi contagi e un trend attorno l’1%. Superata la soglia dei 100 mila tamponi, di cui più di nove su dieci risultato negativo.

Sempre dalla nota regionale si rende noto come in provincia di Latina si sta attivando il laboratorio per il test sierologico.

Anche quest’anno nel Lazio assegnata la borsa di studio al 100% degli idonei

La Regione Lazio e DiSCo continuano ad investire nelle nuove generazioni dichiarando 13.172 nuovi “vincitori”, con un incremento dell’impegno economico pari ad oltre 46 milioni di Euro.

Grazie all’attenzione della Regione Lazio per il diritto allo studio, con risorse stanziate pari a circa 90 milioni di euro complessivi, salgono a 24.537 gli studenti che investendo sul proprio futuro potranno ricevere un aiuto finanziario per studiare, con un incremento di circa 2.000 cittadini beneficiari rispetto allo scorso anno.

La liquidazione della prima rata, al 100% degli studenti la cui posizione risulterà priva di irregolarità o blocchi, avverrà entro il 23 dicembre. La data esatta dell’accredito della borsa sarà comunicata attraverso la sezione “storico esiti/pagamenti” dell’area riservata dello studente, che DiSCo invita i cittadini interessati a monitorate.

Allerta gialla per maltempo, previsti temporali in serata

Previsto maltempo in serata e nella notte tra giovedì e venerdì e arriva l’allerta gialla della Protezione Civile.

Nella giornata di ieri, infatti, il Centro Funzionale Regionale ha reso noto che il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso oggi un avviso di condizioni meteorologiche avverse con indicazione che dalla mattinata di quest’oggi, giovedì 24 ottobre e per le successive 18-24 ore si prevedono sul Lazio: precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale, anche di forte intensità.